Il vegetarismo detto anche vegetarianesimo è un modello alimentare che esclude il consumo di alcuni o di tutti gli alimenti di origine animale. In base alla restrizione alimentare operata, si distinguono le seguenti tipologie dietetiche:

  • Dieta vegetariana: dieta che esclude la carne animale, ma ammette, entro certi limiti, il consumo di uova, latte e derivati.
  • Dieta vegetariana: dieta che ammette solo il cibo vegetale ed esclude uova, latte, formaggi e miele.
  • Dieta crudista: dieta che ammette solo il cibo vegetale però consumato crudo, soprattutto sotto forma di frutta e verdura.

Il vegetarismo, se ben organizzato, è considerato ormai una dieta nutrizionalmente accettabile e sufficiente. Le carenze proteiche vengono ben garantite dal consumo si uova, latte e formaggi, che possono sostituire la carne. L’apporto di ferro, normalmente fornito da carne e pesci, può essere assicurato con il consumo saltuario del tuorlo d’uovo e di altri alimenti come legumi secchi, pane integrale, frumento integrale, prodotti fermentati naturali. Lo stesso discorso vale per alcune vitamine del gruppo B ed i sali minerali. Occorre, invece, prestare molta attenzione nell’applicazione delle diete vegetariane strette, per le maggiori restrizioni imposte e quindi per i maggiori problemi nutrizionali che si presentano. Una volta risolto il problema dell’apporto equilibrato dei vari nutrienti, anche l’uso di opportuni integratori alimentari, le diete vegetariane presentano degli indubbi vantaggi:

  • il notevole apporto di fibra alimentare favorisce la peristalsi intestinale e l’evacuazione; si combattono in questo modo la stitichezza ed alcune malattie infiammatorie e degenerative del colon;
  • la bassa introduzione di colesterolo e trigliceridi, favorisce un minor rischio di aterosclerosi e di malattie cardio-vascolari.
  • si ha una minore incidenza di patologie quali obesità, diabete e gotta dipendenti da eccessi alimentari.

E’ importante considerare che il passaggio dalla dieta onnivora al vegetarismo deve essere graduale e lento, in modo da permettere all’organismo un adattamento fisiologico alle nuove disponibilità e favorire i processi digestivi dei prodotti naturali integrali.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s