Il Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro

Il Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro è l’insieme di norme contenute nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 successivamente integrato dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009 n. 106, che ha riformato, riunito e armonizzato le disposizioni dettate da numerose precedenti normative in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, emanate nell’arco di quasi sessant’anni, al fine di adeguare il corpus normativo all’evolversi della tecnica e del sistema di organizzazione del lavoro.

La disciplina, che intende tutelare i lavoratori pubblici e privati, estende il campo di applicazione a tutti i settori di attività, includendo le varie tipologie di rischio, e prevede:

  • l’individuazione dei soggetti responsabili e relativi obblighi;
  • la valutazione dei rischi;
  • la compilazione del Documento di Valutazione dei Rischi;
  • il Servizio di Prevenzione e Protezione;
  • la formazione, l’informazione e l’addestramento dei lavoratori;
  • la sorveglianza sanitaria;
  • la gestione delle emergenze;
  • le sanzioni.

I soggetti coinvolti nella gestione della sicurezza

Il datore di lavoro è il primo garante della sicurezza; può essere una o più perone fisiche, una persona giuridica o un soggetto pubblico. In questo ultimo caso il dirigente assume i compiti e le responsabilità del datore di lavoro. Egli ha i seguenti compiti non delegabili:

  • la valutazione dei rischi, l’elaborazione del Documento di Valutazione dei Rischi e l’organizzazione del Servizio di Prevenzione e Protezione, che è lo strumento operativo di tutto il sistema;
  • la nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, se non ricopre lui stesso la funzione.

Il datore di lavoro è inoltre responsabile delle seguenti funzioni:

  • provvedere all’informazione e alla formazione iniziale e periodica di tutti i lavoratori;
  • nominare il medico competente;
  • fornire ai lavoratori idonei dispositivi di protezione individuale;
  • adottare le misure necessarie ai fini della prevenzione di incendi e dell’evacuazione dei luoghi di lavoro;
  • aggiornare le misure di prevenzione.

Il dirigente attua le direttive del datore di lavoro organizzando l’attività lavorativa e vigilando su di essa.

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione può essere lo stesso datore di lavoro, se ne possiede le competenze, oppure una persona esterna da lui designata; collabora alla valutazione dei rischi e alla elaborazione del Documento Valutazione Rischi; assegna inoltre vari compiti agli addetti al servizio di prevenzione e protezione, che possiedono capacità e requisiti professionali adeguati.

Il Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza è la persona o il gruppo di persone che rappresenta i lavoratori per la salute e la sicurezza sul lavoro e collabora per lo svolgimento delle varie funzioni previste dalla normativa.

I lavoratori devono rispettare una serie di obblighi per tutelare la propria salute e sicurezza e quelle delle persone presenti sul luogo di lavoro. Essi hanno un ruolo molto importante nel processo di prevenzione, poiché devono applicare rigorosamente le regole previste dal piano di sicurezza; alcuni di essi svolgono il ruolo di preposti con l’incarico di controllare la corretta esecuzione dei compiti assegnati ai lavoratori esercitando un potere di iniziativa, cioè informare tempestivamente i lavoratori di pericoli gravi e immediati e segnalare al datore di lavoro le eventuali deficienze di mezzi, attrezzature e dispositivi di protezione individuali.

Il medico competente svolge una serie di funzioni, quali visite preventive e periodiche, decisioni sull’idoneità o meno dei lavoratori alle varie mansioni, nei casi previsti dalla legge.

La valutazione dei rischi

La valutazione dei rischi sul lavoro è il primo importante intervento a tutela della sicurezza e salute dei lavoratori ed è un obbligo del datore di lavoro in collaborazione con il RSPP, il RLS e il medico competente. Nella valutazione del rischio si deve tenere conto del tipo di ambiente di lavoro, dei processi che intervengono al suo interno e della loro complessità. I rischi presenti negli ambienti di lavoro possono derivare da:

  • agenti fisici;
  • agenti chimici;
  • agenti biologici;
  • incendi ed esplosioni;
  • carenze strutturali;
  • scorretto uso di macchine e attrezzature;
  • disorganizzazione e sovraccarico di lavoro.

Il Documento di Valutazione dei Rischi

Il Documento di Valutazione dei Rischi è la relazione stessa a seguito della valutazione dei rischi, compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, come le lavoratrici in stato di gravidanza e i lavoratori soggetti a particolare stress derivante dalla mansione svolta. Il Documento deve contenere obbligatoriamente:

  • una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la salute e la sicurezza durante l’attività lavorativa, con specificazione dei criteri utilizzati per la valutazione stessa;
  • l’elenco delle misure di prevenzione e protezione utilizzate e le azioni di miglioramento dei livelli di sicurezza;
  • l’individuazione di tutte le persone coinvolte nel processo e l’indicazione degli incarichi assegnati;
  • l’individuazione di tutte le persone coinvolte nel processo e l’indicazione degli incarichi assegnati;
  • l’individuazione di mansioni particolarmente esposte a rischio che richiedono un’adeguata formazione e addestramento specifico.

Il documento, in formato cartaceo o informatico, deve sempre essere custodito all’interno dell’azienda. La valutazione dei rischi, e quindi la stesura del relativo documento, devono essere fatti entro novanta giorni dall’apertura di una nuova attività lavorativa; inoltre, ogni volta intervenga una qualsiasi modifica all’interno del ciclo produttivo e/o nell’organizzazione aziendale, il DVR deve essere aggiornato e adeguato alla nuova realtà lavorativa.

La vigilanza e il controllo

La vigilanza e il controllo del rispetto delle norme di sicurezza sui luoghi di lavoro sono esercitati dai seguenti enti, che, a seconda dei casi, esaminano la conformità di nuovi progetti, effettuano controlli periodici e collaudi a strutture e impianti, rilasciano autorizzazioni per manutenzioni di ascensori e montacarichi, tutelano i lavoratori effettuando indagini sugli infortuni.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s